nov
20
Author: | Category: Press | Leave a Comment

Veramente un bell’articolo questo apparso su Irish Time qualche giorno fa. Di seguito la traduzione.

Benedict Cumberbatch: “E’ fantastico realizzare quanto siamo insignificanti.”

La star di The Imitation Game ha poco tempo per il gossip che gli gira intorno ma parla allegramente di tutto: da Sherlock a Star Trek fino al nostro posto nell’universo.

Sto per essere presentato a Benedict Cumberbatch quando dei cacciatori di autografi si mettono in mezzo. Lui provvede allegramente, anche quando un autografo diventa una dozzina. “E potrebbe firmare questo per mia sorella?” diventa una specie di tema.

Scrive un biglietto personale per due studentesse che stanno per affrontare il loro primo spettacolo teatrale. E un altro. E un altro ancora.

Se non avessi saputo già da prima che la star di Sherlock e Star Trek: Into Darkness è l’uomo più popolare in Gran Bretagna, l’avrei capito adesso.

Alla fine saluta il suo fan club. “Di niente,” gli dice. “Uno dei vantaggi del lavoro.”

Balza in avanti e prende una barretta gigante di Toblerone al cioccolato fondente. “Mi scusi,” mi dice con una decisa stretta di mano. “Ma ho bisogno davvero di zucchero.” Spinge educatamente il grande triangolo di cioccolata a lato della bocca in modo che possa continuare a parlare. L’effetto fa affinare ancora di più gli zigomi già taglienti. “Vorrei ci fosse un modo più decoroso di farlo,” sorride.

Non me ne viene in mente nemmeno uno. Questo è esattamente il modo in cui mi aspetterei una delle sorelle Mitford mangiare dolcetti a forma poliedrica se ultimamente si fossero trovate a parlare con le Cumberbitches. Ma l’attore trentottenne non riesce a trovare un motivo per lamentarsi.

nov
20
Author: | Category: Media | Leave a Comment

No, non è il titolo di un film… Guardate i video di Benedict e il cast de I Pinguini di Madagascar intervistati dal sempre divertente Josh Horowitz di Mtv.

nov
20
Author: | Category: Media | Leave a Comment

Benedict ospite nei giorni scorsi di altri due eventi, l’Academy Members Screening di The Imitation Game e il CNN Heroes: An All Star Tribute.

>> Academy Members Screening

>> CNN Heroes: An All Star Tribute

nov
20
Author: | Category: Media | Leave a Comment

Benedict è di nuovo sulla copertina del TIME. Cliccate sull’immagine per vedere i bellissimi scatti in HQ e il video del dietro le quinte del photoshoot.

nov
19
Author: | Category: Interviste, Press | Leave a Comment

Breve ma simpatico articolo apparso sul sito People.com.

BENEDICT CUMBERBATCH PARLA DI FIDANZAMENTO E CUMBERBAMBINI

Cosa vi aspettavate, una foto su Instagram?

Benedict Cumberbatch non avrebbe mai annunciato il suo fidanzamento con la regista teatrale e attrice Sophie Hunter sui social media. Invece lo ha annunciato nella colonna nascite, morti, matrimoni del Times, ha raccontato a PEOPLE Lunedì che la decisione semplicemente “sembrava giusta”. “È ciò che avrei fatto se non fossi stato, in un certo senso, famoso. È ciò che noi facciamo. È una sorta di cosa tradizionale da fare” ha detto l’attore trentottenne alla premiere di The Imitation game a Los Angeles sponsorizzata da Chanel.

“Volevo avere un certo controllo sul messaggio. Non sono su Twitter o uso i social network. È troppo impersonale. Preferirei fare ciò che abbiano fatto e che le persone lo scoprano così piuttosto che vederci da qualche merdoso, sgranato filmato mentre ci fissiamo con amore l’uno negli occhi dell’altro con un anello al dito. Volevo che fosse nostro”. Ha aggiunto: “Siamo così felici e volevamo soltanto che tutti sapessero quanto siamo felici”.

E in cambio i fan hanno fatto sì che la coppia sapesse quanto sono felici loro.

“Una delle cose più incredibili sul fidanzamento, che non avevamo idea si sarebbe riversata su di noi, è l’incredibile quantità di amore che ci sta proprio sommergendo”, ha detto l’attore di Sherlock e di 12 anni schiavo. “Pensavo che riguardasse solo noi che dichiariamo il nostro amore e che ci stiamo per sposare, ma davvero è il mondo che dice: “anche noi vi amiamo!”. È sorprendente. Famiglia, amici, il mondo… È sorprendente”.

Infine PEOPLE ha accennato a Benedict che i suoi fan adesso si aspettano qualcos’altro – i cosiddetti “Cumberbambini”.

“Oh mio Dio”, ha risposto. “Bene, anche mia madre aspetta Cumberbambini”.

Traduzione a cura di Francesca per Cumberbatched Italy. Non riportare altrove, nemmeno parzialmente, senza citarci come fonte. Grazie.

nov
19
Author: | Category: Interviste, Press | Leave a Comment

Traduzione dell’articolo su Benedict apparso nel numero di Novembre di The Lady.

‘Alan Turing? E’ stato una vera e propria miccia per il mondo.’

Benedict Cumberbatch interpreta il brillante code breaker Alan Turin nella nuova biopic The Imitation Game. Qui, spiega a Jeananne Craig perché, nonostante una propensione per il tweed, il suo genio non abbia nulla a che fare con Sherlock.

Cosa rende così bravo l’uomo del momento, Benedict Cumberbatch, ad interpretare personaggi peculiari?

‘Sembro un po’… no, non dirò di Alan Turing che sembrava un po’ strano!’ il 38enne di Londra dice, riferendosi al personaggio che interpreta in questo nuovo film, ‘Non so. Penso sia una storia che può davvero toccare tutti.’

Il suo aspetto unico e le mirabili performance, inclusa quella sul fondatore di Wikileaks, Julian Assange (in The Fifth Estate del 2013) e Frankenstein (nell’adattamento del 2011 di Danny Boyle per il National Theatre) gli hanno portato legioni di fans – anche se le sue ammiratrici sono in lutto a seguito della notizia del suo fidanzamento con l’attrice e regista Sophie Hunter. Molte di queste ‘cumberpeople’ erano alla premiere del suo ultimo film (una aveva un cartello con su scritto: ‘Un Oscar per Benedict’), nel quale interpreta il difficile code breaker, Alan Turing.

Vi perdoneremo se vorrete fare dei paragoni con questo personaggio e l’alterego di Cumberbatch, l’insuperabile detective Sherlock. Entrambi sono eccentrici, outsider dalla mente eccelsa ma come l’attore insiste, senza apparire affatto geniale come i personaggi che interpreta, ‘il crossover sul diagramma di Venn è davvero labile.’

Mentre sorseggia una tazza di tè forte, Benedict ammette che la sua mente torna alla battaglia di Bosworth, dopo aver intrepretato Riccardo III in una serie TV di prossima uscita. ‘Alan non va in giro a provare che tutti hanno torto e lui ragione [come Sherlock]. Lavora silenziosamente a cambiare le cose, da una prospettiva unica, senza sbandierarlo al mondo con un cappotto lungo per far sembrare i poliziotti degli stupidi.’

Inoltre, aggiunge: ‘Alan preferisce di gran lunga il tweed. Sherlock ne ha portato un po’ col cappello da deerstalker ma sono davvero diversi…’

Un pioniere della matematica e dell’informatica, i suoi sforzi nel decodificare il codice tedesco Enigma a Bletchey Park, non ha avuto riconoscimenti quando era in vita. La sua carriera venne, infatti, distrutta nel 1952 dopo una condanna di ‘grave indecenza’ dovuta alla sua omosessualità, che lo portò ad accettare la castrazione chimica come alternativa alla prigione. Due anni dopo, a 41 anni, questo eroe tragico si suicidò.

nov
18
Author: | Category: Personal | Leave a Comment

Benedict chiede di nuovo ai suoi fan di usare i propri mezzi, monetari e non, per donare qualcosa a chi ne ha più bisogno, come regalo a lui per questo Natale. Ecco il suo messaggio.

Sono così fortunato ad avere dei fan così solidali e generosi. Niente mi renderebbe più felice però che il loro amore, il loro tempo, le loro energie e il loro denaro vengano indirizzati alle persone che a Natale hanno veramente bisogno. Enti di beneficenza per senzatetto, organizzazioni umanitarie e di volontariato per i diritti umani, tutti meritano il nostro sostegno. Se questo vi sembra troppo impersonale o non avete denaro da donare , vi prego fate un favore a qualcuno che ne ha bisogno o che amate, perché questo è il miglior regalo di Natale che potrei mai pensare di ricevere. Benevolenza per tutti! Grazie ancora a tutti quelli che lo hanno fatto per il mio compleanno, mi ha molto commosso la quantità di denaro raccolta e tutte le vostre storie di ‘Batch of Kindness‘ (n.d.t gioco di parole con il suo nome, solitamente si dice Act of Kindness, ovvero Atti di generosità)… così come credo che sia stato chiamato nomignoli a parte, le opere erano meravigliose, fantasiose e così generose. Grazie B x

nov
18
Author: | Category: Media | Leave a Comment

Due sessioni di Q&A con Benedict, quella di BAFTA Behind Closed Doors e quella di 92y, e una con tutto il cast di The Imitation Game. Le trovate tutte dopo il salto.

nov
18
Author: | Category: Media | Leave a Comment

Altra ospitata di ieri, questa volta da Kelly & Michael.

nov
18
Author: | Category: Media | Leave a Comment

Foto e video di Benedict ospite di Jimmy Fallon al Tonight Show. Al solito, cliccate sull’immagine per vederli.

 

« Older Entries